Fax e basta

tumblr_oll7o8ztgp1w67tn1o1_r1_540

Mentre procedevo sul sentiero innevato, il bambino alle mie spalle gridò

-“Hey! Come ti chiami?”-

Io, voltandomi -“Fax.”-

Lui, incerto -“Fax?”-

Confermai -“Sì, Fax. Fax e basta.”-

Lui, salutandomi con un cenno di mano -“Okay, ciao Fax e basta. Buon Natale!-”

E proseguii verso la fattoria dei Singer.

Fax Mac Allister e il bambino sulla neve
A life in a Fax   Copyright ©  http://www.faxmacallister.com

Annunci

Riflessi

tumblr_os61gnkxao1w67tn1o1_400

-“Addis Abeba significa “nuovo fiore”.

Quanto amavo il sole, il profumo degli eucalipti.

Nel pomeriggio la luce filtrava dalle persiane chiuse, mettevo un vinile sul grammofono e danzavo in sottoveste nella mia camera.

Non ero una brava danzatrice, ma dopo aver conquistato un posto in Africa Orientale tutto sembrava possibile e sognavo di esserlo.

Non immaginavo che l’impero fascista sarebbe crollato.

Ho smesso di danzare da allora…”

Agata Perego, memorie di una catechista cattolica
Conversioni Copyright ©  http://www.faxmacallister.com

Buoni cattolici

tumblr_omptvzsrsa1w67tn1o1_r1_540

-“Oggi la catechista non mi ha offeso, ha portato le caramelle e ne ha data una anche a me!”-

-“Oh bene! E tu che pensavi ti odiasse! Vedi? Agata è una buona cattolica.
Ora dammi quella caramella.”-

-“Perché?”-

-“Che domande, devo assicurarmi non sia una fiala di cianuro…”-

Fax Mac Allister e Selva Maneri
A life in a Fax  Copyright ©  http://www.faxmacallister.com

L’importanza di chiamarsi…

tumblr_omey68sr5j1w67tn1o1_r1_540

-“Te lo chiedo per favore Selva, per una volta, lasciami fare il padre con Fax.”-

-“L’ultima volta che ti ho lasciato fare hai registrato quel bambino all’anagrafe con il nome di un dispositivo elettronico.”-

-“Non essere amara,sai bene cosa significa quel nome.”-

-“Sì, lo sappiamo tu, io e quattro ascari morti in Eritrea nel 1941.”-

-“Va bene, sei stanca, è la tua frustrazione a parlare.”-

-“Se liberassi la mia frustrazione, non parlerei, darei fuoco a questa dannata Contea.”-

Abel Mac Allister e Selva Maneri
A life in a Fax   Copyright ©  http://www.faxmacallister.com

La torta del duca

tumblr_osj8zavnz71w67tn1o1_540

-“Torniamo a casa nonna.”-

-“Io sono a casa.”-

-“Che posto è questo?”-

-“Villabruzzi, in Somalia. Non è bellissima?”-

-“È in macerie, sento le urla delle iene.”-

-“Le iene stanno ridendo.”-

-“Cosa facciamo qui da soli?”-

-“Aspettiamo.”-

-“Chi?”-

-“Sua Altezza Reale il Duca degli Abruzzi, ha promesso che verrà.”-

-“Lui non verrà.”-

-“Certo che verrà! Il villaggio porta il suo nome, la banda suonerà “Africanina”, quella torta è per lui.”-

-“È un cumulo di muffa marcia.”-

-“Eh, il caldo, la sabbia, le mosche…Sua Altezza il Duca è un po’ in ritardo.”-

-“Da quanto lo aspetti?”-

-“Non tanto, dal 1933.La banda suonerà “Africanina”. Il villaggio si chiama come il Duca, quella torta è per lui…”-
Proiezioni oniriche notturne. Fax incontra Rachele Maneri al Villaggio Duca degli Abruzzi.

La torta del Duca – Fax Mac Allister – Copyright ©  http://www.faxmacallister.com